You are here:   Chi siamo
  |  Login
 Il Circolo Parrocchiale Culturale Sportivo "S. Giuseppe" - Associazione Sportiva Dilettantistica

La Parrocchia S. Giuseppe - animata dai PP. Sacramentini di S. Benedetto del Tr. (AP), dopo un periodo di sperimentazione avviato nel 2004, ha promosso la costituzione del Circolo Parrocchiale Culturale Sportivo "S. Giuseppe" - ASD (cfr. Statuto): da allora esso opera nell’ambito delle attività ludico-sportive, educative, culturali e sociali destinate, particolarmente, ai minori e alle loro famiglie. É affiliato al Centro Sportivo Italiano (CSI) - Ente di Promozione Sportiva Nazionale ed iscritto al C.O.N.I. La sua identità giuridica gli permette di essere “ponte” tra la realtà ecclesiale e quella civile di appartenenza, grazie al suo “Progetto Culturale Sportivo”. Proponendo varie attività diventa portatore di una proposta che è al tempo stesso educativo-pastorale, culturale, sociale e di animazione del tempo libero. Il suo Progetto si innesta come “valore aggiunto” nello specifico del piano pastorale di una Parrocchia e/o del progetto educativo di un Oratorio.
 Progettualità: Animazione in Rete Educativa Territoriale
Ridurre
Il Circolo Parrocchiale "S. Giuseppe", per investire ulteriormente le proprie potenzialità in termini di animazione sportiva, socio-educativa e culturale, ha elaborato una progettualità graduale e progressiva: l'intenzionalità educativa si esprime attraverso la scelta e l’integrazione di metodi fondati su principi pedagogici, che valorizzano l'individuo quale persona appartenente al territorio, inteso come comunità educante. L'Associazione, in questi anni, ha attivato sinergie sul territorio locale e nazionale, così da rispondere alla sfida educativa della complessità sociale: tessere legami e nodi relazionali di una Rete Educativa Territoriale (R.E.Te.) tra famiglie, varie agenzie educative scolastiche ed extrascolastiche, istituzioni civili ed ecclesiali, perché si sviluppino prassi pedagogiche di comunità, in grado di abilitare le persone, nello specifico minori e nuclei familiari, alla partecipazione solidale alla vita sociale del quartiere e del territorio, così da promuovere, la qualità della vita e prevenire, conseguentemente, i fattori di rischio che causano situazioni di disagio, anomia, marginalità.
 Il metodo educativo di riferimento
Ridurre